Serie D – Donoratico sull’ottovolante: espugnato anche il fortino della Fides Livorno


Fides Livorno – Dispensa di Campagna Donoratico: 62-66
(16-12; 25-31; 51-49)

Dispensa di Campagna Donoratico: Bartolini 12, Bruci 5, Bottoni 12, Manetti 12, Lombardi 8, Biagioni, Pistillo 12, Sonetti 3, Creatini, Partigiani 2. All. Crudeli, vice Iaconi.

Grandissimo Ale Manetti: 12 punti nonostante una brutta storta alla caviglia (foto Sabina Matteucci)
Grandissimo Ale Manetti: 12 punti nonostante una brutta storta alla caviglia (foto Sabina Matteucci)

Inizia nel migliore dei modi il 2018 del Basket Donoratico. Nel big match di giornata gli uomini di coach Pablo Crudeli espugnano il finora inviolato fortino della Fides Livorno, strappando l’ottava vittoria consecutiva e due punti fondamentali in ottica playoff. Senza Unechenskyi, Biagi e con Manetti a mezzo servizio, i gialloblu hanno affrontato la partita con il giusto piglio, contrastando le iniziative di una squadra tosta e ben allenata come quella labronica. L’inizio, tuttavia, era costellato dagli errori al tiro di ambedue le compagini, probabilmente “arrugginite” dal lungo periodo di vacanza: la Fides provava comunque ad imporre il proprio ritmo con le giocate dei suoi esterni, ma Donoratico era bravo a sfruttare i centimetri di Bartolini (12 punti e 11 rimbalzi) e i muscoli di Sonetti per restare a galla. Una prima reazione ospite arrivava solo nel secondo quarto, quando le accelerazioni di uno stoico Manetti e Bruci davano il via ad un mini-strappo incrementato dalle giocate del solito Pistillo e dall’intensità difensiva di Creatini: era un canestro di Partigiani, infine, a mandare le squadre all’intervallo lungo sul più 6 ospite (25-31). Al rientro i locali ingranavano le marce alte, trovando con più continuità il tiro dalla lunga ed aumentando la pressione difensiva: Donoratico faticava un po’ a replicare, ma due bombe di Manetti e Bottoni si trasformavano in ossigeno puro, così come le conclusioni ravvicinate di Bruci e Lombardi. L’ultimo atto iniziava così in sostanziale parità, sul 51-49 Fides. L’equilibrio si manteneva di fatto fino alla fine, quando ad un minuto dalla sirena la Dispensa di trovava a guidare di tre (59-62): gli ospiti, tuttavia, sbagliavano quattro liberi consecutivi e Livorno ne approfittava per tornare in parità con un gioco da tre punti. Lombardi però non ci stava e trovava subito il canestro del nuovo vantaggio, seguito da un fallo in attacco della Fides: dalla lunetta Donoratico congelava poi il risultato, esultando per una delle vittorie più importanti e convincenti della stagione. La striscia arriva così a quota otto sigilli, in attesa di ospitare Grosseto nell’ultima giornata di un girone di andata davvero positivo: 10 vittorie e 4 sconfitte il bilancio, a soli due punti in classifica dal quartetto di testa.


Serie D – Donoratico forza sette: Bruci spacca la partita e i gialloblu superano anche Pontedera


Dispensa di Campagna Donoratico – Bellaria Cappucini Pontedera: 91-61

(18-16; 48-34; 63-46)

Dispensa di Campagna Donoratico: Bartolini 7, Biagi, Manetti 9, Pistillo 16, Creatini 9, Bruci 20, Bottoni 2, Lombardi 18, Biagioni 2, Sonetti 4, Partigiani 4. All. Crudeli, vice Iaconi.

Matteo Bruci spinge la transizione: impressionanti le sue accelerazioni (foto Sabina Matteucci)
Matteo Bruci spinge la transizione: impressionanti le sue accelerazioni (foto Sabina Matteucci)

Settima vittoria consecutiva per la Dispensa di Campagna Donoratico, che pur priva di Anthon Unechenskyi batte nettamente Pontedera al termine di una gara dove i pisani hanno retto solo due quarti prima di cedere di schianto sotto i colpi dell’artiglieria pesante dei gialloblu. Una vittoria agevole che ha consentito a coach Crudeli di dare ampio spazio a tutti gli effettivi, quanto mai efficaci e convincenti. Partiva subito forte la squadra di casa che con Alessandro Manetti (9 punti e 3 assist) e Lorenzo Pistillo (16 punti con 4/7) piazzava tre bombe nei primi tre minuti. Pontedera però non ci stava e riusciva a prendere le misure alle bocche di fuoco gialloblu fino a rientrare e passare addirittura in vantaggio prima che Bartolini (7 punti e 8 rimbalzi) con due liberi riportasse avanti 18-16 i suoi alla fine del primo quarto. Al rientro in campo ancora equilibrio, ma l’ingresso del giovane Matteo Bruci (sontuosa la sua prova con 20 punti e 4 assist) dava la sterzata alla partita: con due bombe di fila e un potenziale gioco da tre punti il folletto della Dispensa siglava infatti il più 8 che minava l’entusiasmo di una Pontedera comunque sempre precisa nei tiri dalla lunga distanza. A metà gara Donoratico faceva segnare sul tabellone più 14 (48-34). Nel secondo tempo iniziava lo show degli splash brothers Nicola Lombardi (giocatore davvero super) e Pistillo, che centravano una gragnola di triple che ampliava decisamente il distacco. Nell’ultimo quarto un Donoratico giovanissimo allungava ancora con Emanuele Creatini (9 punti in 22 minuti) e Damiano Partigiani protagonisti: anche Sonetti e Biagioni davano sostanza all’attacco locale, mentre il classe ’99 Federico Biagi regalava 13 minuti di pregevole fattura che fornivano un importante contributo al più 30 finale. Una bella vittoria dunque, che mantiene la formazione di Crudeli nelle altissime sfere della graduatoria (4 punti dal primo posto, due dal secondo). Ad anno nuovo la prossima gara sul difficile campo della Fides Livorno, capace di espugnare il fortino di Valdicornia nell’ultima giornata.


Serie D – Blitz sul campo del CUS Pisa: per i gialloblu è il sesto sigillo consecutivo


CUS Pisa – Dispensa di Campagna Donoratico: 58-68

(18-18; 26-40; 43-46)

Dispensa di Campagna Donoratico: Bruci 6, Biagi ne, Bottoni 8, Manetti 5, Lombardi 21, Unechenskyi 14, Biagioni 1, Pistillo 6, Sonetti 2, Creatini 3, Partigiani 2. All. Crudeli, vice Iaconi.

Soliti minuti di grande intensità per Alberto Biagioni (foto Sabina Matteucci)
Soliti minuti di grande intensità per Alberto Biagioni (foto Sabina Matteucci)

Blitz importante per la Dispensa di Campagna Donoratico sul campo del CUS Pisa. Nell’ostico teatro universitario i gialloblu piazzano il sesto sigillo consecutivo, ancorandosi sempre più alla zona alta della classifica. Privi di Marco Bartolini, capitan Bottoni e compagni hanno però dovuto sudare le sette camice per avere la meglio sui locali. Trascinata da uno splendido Lorenzo Scardigli Pisa partiva infatti fortissimo, alzando il ritmo e colpendo con continuità dall’arco. Dopo un paio di minuti di smarrimento Donoratico si metteva però lentamente in partita, trascinata da un super Nicola Lombardi (migliore in campo alla fine, con 21 punti, 6 rimbalzi, 4 recuperi e 2 assist) e dalle giocate sotto le plance di Anthon Unechenskyi (14 punti e 7 rimbalzi): al termine della prima frazione, il risultato era così in perfetta parità (18-18). Nella prima metà del secondo quarto il match sembrava procedere sulla stessa falsa riga: tuttavia, la pressione ospite iniziava a dare frutti, portando facili canestri per Manetti e Lombardi. Anche Bruci, PartigianiBottoni e Pistillo ci mettevano lo zampino, propiziando un mini parziale che portava la Dispensa avanti di 14 all’intervallo lungo (26-40). Al rientro Pisa tornava subito a mordere la partita, riportandosi vicina grazie ad un fulmineo 7-0. Donoratico non riusciva a recuperare il bandolo della matassa, faticando a trovare ritmo e concentrazione su entrambe le metà campo. Ci pensava ancora Lombardi a venire in soccorso ai suoi: dopo un canestro di Creatini e due liberi di Bruci, era infatti la guardia livornese a piazzare un jump capace di spezzare in minima parte l’inerzia del CUS. Sul 43-46, l’ultimo quarto regalava altri minuti di autentica battaglia: Unechenskyi, SonettiLombardi (9 punti) e Bottoni tornavano però a lavorare bene in fase offensiva, accumulando lentamente un margine di distacco più sicuro. Nell’ultima fase del match, dopo essere stata comunque a contatto, Pisa iniziava a raschiare le ultime energie, e Donoratico ne approfittava per toccare nuovamente il più 13: era l’ennesima bomba di Scardigli, infine, a fissare il risultato sul 58-68. Arriva così la sesta vittoria consecutiva, al termine di una partita che sapevamo molto più difficile di quanto suggerito dalla classifica. Non è stata certo la nostra miglior prestazione, ma in un campionato così equilibrato ogni trasferta presenta pericolose insidie e alla fine siamo stati bravi a portarla a casa. Adesso un altro match importante, sabato ore 18.30, nello scontro casalingo contro il Bellaria Pontedera.


 

Serie D – Donoratico mette la quinta: superato anche Castelfiorentino


Dispensa di Campagna Donoratico – L’Accento Gialloblu Castelfiorentino: 88-54

(18-12; 44-27; 69-38)

Dispensa di Campagna Donoratico: Bartolini 8, Bruci 14, Biagi 2, Bottoni 5, Manetti 17, Lombardi 11, Unechenskyi 8, Biagioni 2, Pistillo 10, Sonetti, Creatini 3, Partigiani 8. All. Crudeli, vice Iaconi.

Ale Manetti in azione: il playmaker gialloblu è stato l'Mvp della partita (foto Sabina Matteucci)
Ale Manetti in azione: il playmaker gialloblu è stato l’Mvp della partita (foto Sabina Matteucci)

Pronostico rispettato dalla Dispensa di Campagna Donoratico, che ingrana la quinta vittoria consecutiva contro un Gialloblu Castelfriorentino sceso sulla costa con soli nove uomini. Una partita senza storia quella andata in scena in Piazza Europa, combattuta solo nel primo quarto ma alquanto parca di emozioni. A replicare all’ottimo avvio ospite ci pensava un sontuoso Alessandro Manetti (10 dei suoi 17 punti nel primo quarto), coadiuvato dalla solidità sotto le plance di Marco Bartolini. I giochi, di fatto, si chiudevano qui, con la seconda frazione ben amministrata da capitan Bottoni e compagni: mentre Creatini e un concreto Matteo Bruci aumentavano l’intensità, dieci punti di Pistillo e cinque di Lombardi davano infatti il via all’allungo, propiziando un parziale di 26-15 che portava la Dispensa avanti di 17 lunghezze all’intervallo. Al rientro il match non cambiava linea: Donoratico colpiva con continuità dall’arco, mentre Unechenskyi e Manetti (anche 5 assist e 3 recuperi, per un 22 totale di valutazione) lavoravano dentro l’area spingendo il margine sul più 31. L’ultimo quarto diveniva così un esercizio di ordinaria amministrazione ben interpretato dai giovani locali, con una prestazione degna di nota di Damiano Partigiani (8 punti e 6 rimbalzi) e le buone prove di Federico Biagi e Alberto Biagioni. La quinta vittoria consecutiva fa rima con un ulteriore balzo in avanti in classifica, consolidando sempre più un posto in zona playoff. Adesso una settimana per lavorare in vista della trasferta di domenica, ore 18, sul campo del CUS Pisa.


 

U14 – Fantastici gialloblu: grande prova contro Meloria


Basket Donoratico – Meloria Basket Livorno: 61-57

Basket Donoratico: Del Giudice 9, Tuci 27, Filippi 6, Cameli 4, Pigozzo 5, Tinagli 6, Gozzoli, Tovoli, Annecchiarico 2, Guerra 2, Santarelli, Venosa. All. Iaconi.

Fantastica partita per Gabriele Tuci, migliore in campo
Fantastica partita per Gabriele Tuci, migliore in campo

Partita incredibile quella disputata dai gialloblu di coach Marco Iaconi. Privi del loro leader Moustapha Ndiaye (infortunatosi il giorno precedente con l’U15), capitan Misha Del Giudice (grande prestazione, con 9 punti e tanta energia) e compagni non si sono persi d’animo, piazzando una prova maiuscola contro il Meloria Livorno Basket 2000. Due punti che valgono molto di più del secondo posto in classifica: i gialloblu hanno infatti dimostrato di essere una squadra vera, futuribile e completa, trascinata nell’occasione da un monumentale Gabriele Tuci, che ha chiuso con 27 punti e 8 palle recuperate. Tutti, ad ogni modo, si sono resi protagonisti in una partita davvero incerta e coriacea, senza esclusione di colpi: benissimo anche Jacopo Filippi, Sebastiano Pigozzo e il 2005 Filippo Tinagli, bravi a segnare punti decisivi in momento non facili. Adesso un match altrettanto difficile domenica mattina, ore 9.30, quando Guerra e compagni andranno a far visita alla Pallacanestro Livorno. Serviranno la stessa grinta e la stessa determinazione per compiere l’impresa! Forza ragazzi!


 

U15 – Capolavoro gialloblu contro la corazzata Don Bosco


Dispensa di Campagna Donoratico – Pallacanestro Don Bosco: 73-53

(12-18; 31-30; 46-41)

Dispensa di Campagna Donoratico: Ndiaye 12, Mirnic 16, Pietrapertosa 2, Martinelli, Pierotti 1, Federici 3, Demi 6, Gazzetti 8, Pasquini 11, Riccucci 14. All. Iaconi, vice Pasquini.

Grande partita di Ndiaye, costretto a lasciare il campo per infortunio: per lui si prevedono almeno 20 giorni di stop (Max Photograph)
Grande partita di Ndiaye, costretto a lasciare il campo per infortunio: per lui si prevedono almeno 20 giorni di stop (Max Photograph)

Capolavoro dell’U15 contro la corazzata Don Bosco Livorno, unica squadra imbattuta nel girone A. La partita più bella dell’anno porta la firma del gruppo, nonostante assenze piuttosto pesanti (ancora ai box Partigiani e Aruta) e l’infortunio occorso nell’ultimo quarto a Moustapha Ndiaye, fino ad allora protagonista assoluto del match. Dopo un primo quarto a trazione labronica, i gialloblu piazzavano una seconda frazione da cineteca, spinti da Mattia Pasquini e da un ottimo Pietro Riccucci. Effettuato il giro di boa in sostanziale parità (31-30), la spallata vera e propria la Dispensa l’assestava però nei secondi venti minuti, quando Luka Mirnic saliva in cattedra affiancato da Pietrapertosa e Giovanni Federici. Nell’ultima frazione ci pensavano Ndiaye, Demi e Gazzetti a spedire i titoli di coda, confezionando un sigillo di grande importanza e prestigio. Ottimi comunque anche i contributi di Pierotti e Martinelli, preziosi soprattutto in fase difensiva. In attesa di conoscere l’esito di Grosseto – San Vincenzo (sulla carta piuttosto segnato), i gialloblu tornano così a godersi la vetta della classifica. Un traguardo non da poco, che evidenzia la coesione e la fluidità che questo gruppo sta trovando di partita in partita. Avanti così!


 

U18 – Niente colpaccio per i gialloblu: il match per il primo posto va ad Arcidosso


Basket Arcidosso – Cavallino Matto Restaurant: 71-55

(9-11; 33-20; 51-34)

Cavallino Matto Restaurant: Bartolini 4, Batistini 7, Matijevic 10, Pierini, Fagiolini 14, Diop, Kuburovic 14, Dal Magro 6. All. Crudeli.

Coach Pablo Crudeli sta portando avanti un grande lavoro.
Coach Pablo Crudeli sta portando avanti un grande lavoro.

Non riesce il colpaccio all’U18 di coach Pablo Crudeli, costretta ad arrendersi ad un grande Arcidosso. Il match, valido per il primo posto, è stato affrontato con il giusto piglio dai gialloblu, calati solo alla distanza contro la fisicità locale. La squadra, ad ogni modo, ha dimostrato ancora una volta di potersela giocare fino alla fine per la vittoria del girone, affrontando a viso aperto una avversario molto forte su un campo da sempre ostico. Peccato, perché il primo quarto ci aveva visti imporre il nostro ritmo, tamponato però nella seconda frazione dal crescendo degli amiatini (parziale locale di 24-9). Al ritorno, ad ogni modo, capitan Niccolò Dal Magro e compagni (privi di Cariano) potranno far valere a loro volta il fattore piazza Europa: non sarà facile, ma questo Cavallino Matto sembra possedere tutte le carte in regola per poter disputare una stagione da assoluto protagonista. Tra i singoli, da segnalare le ottime prove di Pavle Kuburovic e di Francesco Fagiolini, autori di 14 punti a testa: il secondo in particolare ha mostrato una straordinaria personalità, tornando da gladiatore su un campo che due anni fa lo vide protagonista di un terribile infortunio.


Serie D – La Dispensa di Campagna cala il poker: stesa anche Empoli


Biancorosso Empoli – Dispensa di Campagna Donoratico: 54-66

(11-15; 30-34; 50-48)

Dispensa di Campagna Donoratico: Bartolini 5, Bruci 5, Biagi, Bottoni 9, Manetti 6, Lombardi 15, Unechenskyi 8, Pistillo 18, Sonetti, Creatini, Partigiani. All. Crudeli, vice Iaconi.

Matteo Bruci, decisivo con la sua velocità (foto Sabina Matteucci)
Matteo Bruci, decisivo con la sua velocità (foto Sabina Matteucci)

Continua la marcia della Dispensa di Campagna Donoratico, giunta alla quarta vittoria consecutiva. Un’affermazione davvero di peso quella conquistata sul campo del Biancorosso Empoli dai ragazzi di coach Pablo Crudeli, bravi ad avere la meglio contro una delle formazioni più in palla del girone. L’inizio era tutto a trazione locale, con un 9-0 che sembrava indicare una giornata “no” per i gialloblu. Gli ingressi in campo di Matteo Bruci e Lorenzo Pistillo davano però nuova linfa ai livornesi, con il primo a premere sull’acceleratore ed il secondo ad insaccare subito due triple in un amen (5/10 dall’arco alla fine). Donoratico se ne usciva così dai primi dieci minuti con il naso avanti (11-15), rinvigorita anche dalla pressione difensiva di Creatini e Sonetti e dall’incessante attività sotto le plance di un incisivo Anthon Unechenskyi. Nella seconda frazione la partita proseguiva sul filo dell’equilibrio, con Lombardi a trascinare i suoi (8 punti), il solito Pistillo a colpire e la lucida regia di Bruci e capitan Bottoni (ottima prova) a dare luce all’offensiva gialloblu. Ma dal vantaggio dell’intervallo lungo (30-34) gli ospiti rientravano piuttosto scarichi, subendo la pressione di Empoli. Le percentuali locali si alzavano, mentre Biagi e compagni trovavano qualche inceppo di troppo nel dare fluidità alla manovra offensiva. Sul più cinque Empoli, a pochi secondi dalla fine, Pistillo piazzava però un’altra tripla, permettendo ai suoi di iniziare l’atto finale in sostanziale parità. Qui, di fatto, la partita si chiudeva. Empoli non trovava più la via del canestro, mentre Donoratico tornava a macinare punti con continuità, sfruttando le accelerazioni di Manetti, la solidità di Bartolini e Unechenskyi e la freddezza di Lombardi e Bottoni. Il finale, 54-66, consegna una vittoria davvero preziosa per il cammino di Partigiani e compagni: i due punti, oltre alla zona playoff, segnano infatti un percorso di crescita che lascia presagire una repentina risalita.


 

U18 – Immediato riscatto gialloblu: grande blitz sul campo di Rosignano


Sei Rose Rosignano – Cavallino Matto Restaurant: 51-63

(14-15; 26-38; 44-51)

Cavallino Matto Restaurant: Bartolini 4, Batistini 6, Matijevic 12, Pierini 2, Fagiolini 5, Cariano 4, Diop 4, Kuburovic 16, Dal Magro 10. All. Crudeli.

Pazzesco inizio di stagione per i nostri U18.
Pazzesco inizio di stagione per i nostri U18.

Una vittoria che vale oro. Con una grande prova corale il Cavallino Matto Restaurant fa suo il derby di alta classifica, riscattando immediatamente il passo falso patito contro Valdicornia. Quinto sigillo in sei uscite per i ragazzi di coach Pablo Crudeli, bravi a conquistare due punti in grado di consegnare nuovamente il primo posto in classifica, pur in coabitazione con Arcidosso (match per delicato sabato sul campo amiatino) e CUS Pisa (già battuta tra le mura amiche). Quanto alla partita, Pierini e compagni sono scesi in campo con il piglio giusto, trascinati fin dalle prime battute da un grande Niccolò Dal Magro (finora davvero super la sua stagione) e dalle giocate di Marko Matijevic e Pavle Kuburovic. La prima spallata arrivava però nel secondo quarto, quando Batistini, Diop, Kuburovic e Cariano, chiudendo le maglie difensive e trovando continuità in attacco, piazzavano un eloquente parziale di 12-23. Al ritorno dagli spogliatoi Rosignano aveva una reazione e provava a rifarsi pericolosamente sotto, ma Matijevic e Kuburovic replicavano ancora, coadiuvati da 4 punti di Dal Magro e da un prontissimo Cariano. Nell’ultima frazione, quando i giochi si decidevano, erano due centri di Fagiolini a spedire i titoli di coda, regalando due punti meritati e pesanti ad un gruppo che ormai non è più una sorpresa.


 

U15 – Continua la marcia gialloblu: steso anche Orbetello


Pallacanestro Orbetello – Dispensa di Campagna Donoratico: 25-102

(6-19; 8-47; 19-72)

Dispensa di Campagna Donoratico: Giuntini, Ndiaye 18, Mirnic 27, Pietrapertosa 4, Martinelli 11, Federici 7, Demi 2, Gazzetti 6, Pasquini 10, Riccucci 17. All. Iaconi, vice Pasquini.

Solita prova tutta sostanza per Giovanni Federici (Max Photograph)
Solita prova tutta sostanza per Giovanni Federici (Max Photograph)

Come da pronostico, la Dispensa di Campagna fa un sol boccone anche della Pallacanestro Orbetello e mantiene il terzo posto in classifica alle spalle di Grosseto e Don Bosco. Una partita senza storia quella andata in scena in laguna, con Demi e compagni bravi a chiudere i conti nei primi minuti. Oltre ai soliti Pasquini e Ndiaye, si sono distinti Martinelli, Riccucci e un ottimo Giovanni Federici, solidi nel giocare tra le pieghe della partita. Da segnalare, tuttavia, c’è soprattutto l’ottimo esordio del talento bosniaco Luka Mirnic: 27 punti per lui, conditi da 10 recuperi e da tanta voglia di fare bene. Adesso, dopo un paio di sfide agevoli, è però arrivato il momento della partita-verità: sabato, ore 15.45, contro la corazzata labronica del Don Bosco la Dispensa di Campagna potrà veramente capire quale obiettivo fissare per la stagione. Forza ragazzi!