Serie D – Donoratico cade di fronte all’entusiasmo di Monsummano


Shoemakers Monsummano – Dispensa di Campagna Donoratico: 75-68
(25-12; 45-29; 60-46)

Gioielleria Mancini Shoemakers Monsummano: Barneschi, Vezzani 15, Marchetti ne, Mazzanti 2, Calderaro 9, Bellini 12, Luciano 11, Danesi, Romano 13, Mignanelli 2, Martelli, Testa 11. All. Matteoni.

Dispensa di Campagna Donoratico: Bartolini 12, Bruci 15, Biagi ne, Bottoni 12, Manetti 13, Lombardi, Unechenskyi 2, Biagioni ne, Pistillo 12, Sonetti, Creatini 2, Partigiani ne. All. Crudeli, vice Iaconi.

Matteo Bruci in azione: 15 punti per il classe '99 (foto Sabina Matteucci)
Matteo Bruci in azione: 15 punti per il classe ’99 (foto Sabina Matteucci)

Dopo due vittorie convincenti la Dispensa di Campagna è costretta a fermare la sua corsa sul difficile campo di Monsummano. Contro gli Shoemakers gli uomini di Crudeli hanno passato una partita a rincorrere, salvo trovare un incredibile vantaggio a metà ultimo quarto poi vanificato dalle giocate degli esterni locali. Donoratico sceglieva di partire con la linea verde (Bruci, Manetti, Pistillo, Creatini e Sonetti), producendo subito intensità e ritmo: gli Shoemakers vedevano però il canestro largo quanto una vasca da bagno, piazzando triple da ogni dove con Vezzani, Bellini e Luciano. Ne usciva un parziale di 13-0 che Donoratico si trovava subito costretta a dover recuperare (25-12), senza tuttavia riuscire ad invertire la rotta neanche nei secondi dieci minuti, quando il margine toccava anche il -21. Con in campo una sola squadra, durante l’intervallo lungo Crudeli e Iaconi cercavano di dare una scossa che si concretizzava in un primo tentativo di reazione: guidati dall’esperienza di Bottoni e Bartolini i gialloblu serravano le maglie difensive e provavano a rosicchiare qualche punto, salvo incappare nell’ennesima giocata di Vezzani che apriva l’ultimo atto sul +16 dei termali. In un clima caldissimo, nelle pieghe di un incontro decisamente fisico, la partita cambiava: trascinata da un ottimo Matteo Bruci, da capitan Bottoni e dalla grinta di Alessandro Manetti, Donoratico rientrava passo dopo passo fino al -8 a 6’22” dalla fine. L’inerzia passava così tutta dalla parte di Creatini e compagni, con Bruci che siglava addirittura il primo vantaggio a ‘4 dalla fine grazie ad un parziale di 2-17. Testa da tre trovava il nuovo vantaggio, Pistillo impattava dalla lunetta, ma quando la partita sembrava ormai indirizzata verso un finale punto a punto Monsummano tirava fuori dal cilindro due giocate di Testa e Calderaro che, di fatto, spegnevano del tutto le velleità di vittoria di Donoratico. Una sconfitta tosta da digerire, durante la quale alla Dispensa sono mancati i punti di alcuni dei suoi principali riferimenti offensivi. Per certi versi, a parti invertite, il match ha ricordato nell’ultimo quarto quello dell’andata. Gli Shoemakers raggiungono così i gialloblu al quinto posto in classifica, ribaltando anche la differenza canestri (-5 nel primo appuntamento, grazie ad un canestro da campo a campo di Mignanelli all’ultimo secondo). Adesso per Donoratico una settimana di lavoro utile a reinserire del tutto Unechenskyi, prima di provare a completare la corsa playoff già a partire dal prossimo, tostissimo, match contro il Biancorosso Empoli (sabato, Piazza Europa, ore 18.30).

P.S: realtà come Monsummano fanno bene alla pallacanestro. Un clima bellissimo, in cui la partita è vissuta come una festa. Speaker, addetti ai lavori pronti ad impegnarsi per rendere tutto perfetto, tribuna stracolma di tifosi e di ragazzini delle giovanili, un entusiasmo contagioso che in campo è veramente il sesto uomo. Complimenti. Sappiamo quanto sia difficile costruire tutto ciò.


 

2 comments

  1. Bellissimo articolo e complimenti per la sportività che avete sempre dimostrato… anche questo fa bene alla pallacanestro!

Join the Conversation

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *