Serie D – La Dispensa cede contro la solidità di Calcinaia


Dispensa di Campagna Donoratico – Calcinaia Basket: 45-57
(12-16; 20-18; 34-43)

Dispensa di Campagna Donoratico: Bartolini 4, Bruci 5, Biagi ne, Bottoni 5, Manetti 5, Lombardi 5, Biagioni 3, Pistillo 12, Sonetti, Creatini 4, Partigiani 2. All. Crudeli, vice Iaconi.

Basket Calcinaia: Raimo 3, A. Dal Canto 15, Mari 6, Franceschini 3, Grazian, Straffi 2, Turchi 10, Castorina, F. Dal Canto 1, Nelli 17. All. G. Giuntoli. Vice All. T. Regoli. Ass. A. Pantani.

Arbitri: Mattiello e Santacroce.

Emanuele Creatini ha avuto un buon impatto (Foto Sabina Matteucci)
Emanuele Creatini ha avuto un buon impatto (Foto Sabina Matteucci)

Troppo forte la capolista per la Dispensa di Campagna Donoratico. In un girone in cui spesso (noi compresi) la causa delle sconfitte viene fatta ricadere sulle assenze e sui problemi fisici (gravati dall’assenza di Unechenskyi i gialloblu, reduci da una settimana di allenamenti a ranghi ridotti; fuori invece Pantani, Caprioli e, dopo pochi minuti, Mari per gli ospiti), riteniamo opportuno sottolineare che Calcinaia ha dimostrato ancora una volta di non occupare la vetta per caso: difesa fortissima, grande intensità su entrambi i lati del campo, una reattività sostanzialmente sconosciuta a questi livelli. I gialloblu sono rimasti in partita due quarti e mezzo prima di cedere alla sfiancante uomo ospite e a qualche conclusione sfortunata che forse avrebbe potuto prolungare il match. Peccato, perché dopo le ottime prove di Venturina e Chiesina la Dispensa era partita con il piede giusto anche stavolta, spinta da Lombardi e Bartolini. La difesa a tutto campo risultava efficace contro la rapidità degli esterni pisani, bravi però a mettere il naso avanti grazie alle conclusioni di Dal Canto e Mari. Due bombe di Pistillo (top scorer dei suoi con 12 punti) permettevano alla Dispensa di restare a contatto (12-16), ma la pressione degli uomini di Giuntoli e tre conclusioni di Turchi spedivano Donoratico sotto di otto nonostante l’ottimo impatto di Creatini, Biagioni e Partigiani; era poi un’acrobazia di Matteo Bruci a mandare le formazioni negli spogliatoi sul 22-28. Al rientro Manetti bucava subito la difesa ospite e Lombardi trovava una tripla importante: Calcinaia tuttavia alzava di nuovo la pressione difensiva, togliendo a Sonetti e compagni ogni tiro facile. La caterva di errori su entrambi i lati del campo portava così la partita su binari di grande agonismo che premiavano l’energia degli ospiti, presenti su ogni palla vagante e solidi nel costruirsi un vantaggio rassicurante con Nelli e Turchi. Donoratico provava a restare attaccato alla partita con capitan Bottoni, ma la tripla del + 13 a 4 minuti dalla fine spegneva definitivamente ogni velleità di vittoria, lasciando la Dispensa con l’amaro in bocca per il terzo stop consecutivo. A gravare sulle gambe degli uomini di Crudeli sembra giunta adesso anche un po’ di stanchezza, figlia di un ciclo super tra dicembre e gennaio e di settimane abbastanza tribolate. Sarà però importante rimettersi subito in carreggiata: il tour de force non è ancora finito, a partire dal prossimo match sul tostissimo campo di Castelfranco. Forza ragazzi!


Start a Conversation

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *