Serie D – Nonostante le assenze è un grande Cavallino: i giovani mettono paura alla capolista


Meloria Basket Livorno – Cavallino Matto Donoratico: 73-72
(18-26; 34-42; 57-58)

Cavallino Matto Donoratico: Bartolini 6, Spina 8, Martinelli ne, Camarda 9, Bottoni 11, Manetti, Carlotti 10, Bini 14, Biagioni 4, Pistillo 6, Partigiani 2. All. Curdeli, vice Iaconi.

Francesco Carlotti e, di spalle, Alberto Biagioni: due grandissimi protagonisti in quel di Livorno (Foto Sabina Matteucci)
Francesco Carlotti e, di spalle, Alberto Biagioni: due grandissimi protagonisti in quel di Livorno (Foto Sabina Matteucci)

Un Cavallino splendido. Poco importa della sconfitta, assolutamente ininfluente. Senza Creatini, Martinelli e Sonetti e con Manetti e Pistillo impiegati pochissimo per problemi fisici, i gialloblu hanno sfoderato una grande prestazione sul campo della capolista Meloria Livorno, andando ad un centimetro dal colpaccio. A marchiare la partita sono state soprattutto le solide prove degli under: per avere la meglio sugli agguerriti ragazzini di Crudeli i locali hanno dovuto infatti dar sfogo a tutta l’artiglieria pesante, giocando con intensità dal primo all’ultimo minuto. Pronti, via, ed era subito un grande Cavallino a guidare le danze: Cristiano Spina entrava in ritmo con due jump, mentre Elo Bini e Marco Bartolini (15 rimbalzi per lui) lavoravano bene sotto i tabelloni. Dalla panchina, dopo l’immediato infortunio patito da Ale Manetti (niente di grave per il nostro play, tenuto a riposo precauzionale), gli ospiti trovavano una grande spinta anche da Lollo Pistillo (subito due triple, poi fuori per problemi alla schiena) e da uno strepitoso Francesco Carlotti, che a 18 anni ha sfoderato una prestazione tutta sostanza (10 punti per lui). Nella seconda frazione i giochi restavano sulla stessa falsa riga, con punti in quantità grazie alle triple di Matteo Camarda (3/6 dall’arco), alla grande difesa di Alberto Biagioni (28 minuti di notevole sostanza per il classe ’97) e alla voglia di Damiano Partigiani (2 punti e 4 rimbalzi): per il 34-42 con cui si arrivava all’intervallo lungo ci pensava poi il solito Bini a piazzare sei punti in un amen, consegnando tutta l’inerzia nelle mani ospiti. Meloria, però, non si ha chiuso prima per caso: al rientro, spinta da una grande Bargelli, da un solido Vortici e dai soliti Marini, Michelini e Barsotti la truppa di Angiolini rientrava, nonostante il Cavallino continuasse a mantenere il controllo grazie alle iniziative di capitan Bottoni, Bini e alla tripla di Biagioni. L’ultimo atto si trasformava così in una battaglia che i locali riuscivano a portare a casa per un soffio, lasciando comunque ai gialloblu la sensazione di essere davvero sulla strada giusta. Conclusa la fase ad orologio, adesso saranno playoff. Due serie al meglio delle tre: Meloria-Lucca; Donoratico-Valdera. Le vincenti si sfideranno in finale, per poi affrontare la prima dell’altro girone nello spareggio decisivo verso la C silver. Noi, ad ogni modo, ci presenteremo al gran ballo senza pressioni, forti di un obiettivo già raggiunto: certo, con due settimane per recuperare tutti gli effettivi, non ci mancherà assolutamente la voglia di ballare. Forza ragazzi!


 

Start a Conversation

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *